Stefano Cecere

Antura: progettare e sviluppare un videogioco che aiuti gli altri

Speech

Il videogioco è un media e uno strumento sempre più considerato non solo dal mercato e dai giocatori, ma anche dagli educatori, dai formatori, da chiunque abbia interesse ad un impatto sociale positivo per il nostro sistema umano.

Partendo dal caso del recentissimo videogioco "Antura and the Letters", pensato e sviluppato per insegnare ai bambini siriani a leggere l'arabo, e del suo relativo successo internazionale, con tanti premi in ambiti estranei al mondo videoludico, racconterò questo nuovo mondo dei videogiochi "applicati", e le non poche sfide di design e sviluppo che dobbiamo affrontare per renderli davvero a misura d'uomo.

Bio

Stefano Cecere è un ricercatore, sviluppatore, educatore e attivista umanista.

Pioniere nella tecnologie multimediali digitali interattive dai primi '90, è stato consulente web, multimediale e tecnologico per importanti industrie e artisti (Microsoft, Smemoranda, Mediaset, Banca Intesa, Confindustria, Battiato, Jovanotti).

Ha sempre cercato il miglior impatto sociale che la tecnologia digitale e la rete potessero apportare alle cause dello sviluppo collaborativo, dell'Intelligenza Collettiva, della Pace e della Nonviolenza attraverso il gioco e la cultura.

Oggi lavora a progetti educativi e formativi per le nuove generazioni, sviluppando giochi ed esperienze ludiche con il suo studio multimediale KRUR+JAMURR 2042 o con l'organizzazione no-profit Videogames Without Borders.